Da oltre 125 anni


Scoperte, innovazioni, successi. Una storia di passione pura che dura da più di 125 anni.

UN TESORO CELATO IN FONDO AL LAGO
La presenza a Sirmione di una fonte d’acqua termale è nota fin dal Rinascimento. La vera scoperta risale però solo al 1889, quando un palombaro veneziano di nome Procopio s’immerse nel lago di Garda andando alla scoperta della Boiola, la fonte di acqua calda di cui tutti parlavano. L'impresa fu clamorosa, festeggiata dai giornali del tempo e segnò l’inizio di una nuova epoca per tutta la località e i suoi abitanti. Lì vicino, l’anno seguente, venne aperto il primissimo centro termale all’interno dell’Hotel Promessi Sposi. E nel 1921, nacque la Società Terme e Grandi Alberghi Sirmione.

LA RINASCITA E IL SUCCESSO
Dopo la battuta d'arresto subita dall'economia a causa della Grande Guerra, la Società conobbe un grande impulso con l’apertura, nel 1948, del primo Centro di Cura della Sordità Rinogena in Italia.  Sorsero poi i due stabilimenti che ancora oggi sono il fulcro di tutte le attività: nel 1951 le Terme Catullo, situate nel centro storico di Sirmione, e nel 1986 il Centro Termale Virgilio, dal 2009 dotato anche di un reparto pediatrico a misura di bambino. Negli anni recenti la storia ha visto un susseguirsi di opere di ampliamento e miglioramento delle strutture e la nascita di numerose iniziative. Nel 1994 la società lancia la linea Acqua di Sirmione, e nel 2003 inaugura la Aquaria Thermal SPA. Nel 2013 l’offerta commerciale si arricchisce della linea cosmetica Aquaria Thermal Cosmetics, venduta insieme al merchandising firmato Aquaria Collection negli store monomarca e nelle farmacie.


Il nostro palombaro Procopio
SIRMIONE, 24 AGOSTO 1889.
Il cielo è terso e il sole caldo. Vicino al lago si è radunata una piccola folla, nell’aria aleggia la trepidazione per un evento speciale. Da Londra, infatti, è arrivato un enorme scafandro di oltre 4 quintali per esser indossato da Procopio, un esperto palombaro veneziano pronto a immergersi nel Lago di Garda per chiudere i conti con la sorgente di cui si parla da secoli. Nessuno ha mai tentato l’impresa prima, ma tutti non aspettavano altro. Procopio si porta a circa 300 metri dalla riva e s’immerge nell’acqua. Raggiunge la profondità di 20 metri e, seguendo le bolle, intuisce dove dare i primi colpi di piccone. Poco dopo, arriva alla fonte Boiola. Un getto di acqua caldissima si alza prorompente fino a 5 metri sopra la superficie del lago tra gli applausi degli astanti. “No ghe se aqua, ghe se fogo” esclama Procopio appena riemerge. Il palombaro viene festeggiato come un eroe, e ancora oggi resta il simbolo di una scoperta che ha dato un futuro radioso a tutta la località.

Acqua Sulfurea Salsobromoiodica

Una fonte unica e preziosa al servizio della salute e del benessere di tutti.

Fango Termale

Una miscela di argilla e acqua termale dalle innumerevoli proprietà benefiche per la pelle e per il corpo.

Terme di Sirmione Oggi

Rispetto della tradizione e continua innovazione per un successo che si rinnova anno dopo anno.

Terme e Territorio

Una piccola perla sul Lago di Garda, circondata da infinite suggestioni naturali e culturali.

Sezioni correlate

Area Stampa

Comunicati e cartelle stampa che parlano di Noi.


Newsletter

Iscriviti per ricevere tutte le offerte, promozioni e novità di Terme di Sirmione